Translate

giovedì 28 febbraio 2013

Cuori di grano saraceno

 Vi capitano quelle mattine in cui restereste sotto le vostre coperte e preferireste continuare a sognare ad occhi aperti? Si, quei momenti in cui fuori ancora il sole è debole e si ha voglia solo di calore e di coccole....Quando si è in un letto da soli è ancora più difficile tirar via le coperte ed uscire al freddo e al gelo.....Unica magra consolazione, proprio magra non direi, è l'idea di potersi sfogare con la pasticceria. San Valentino è passato, era il giorno prima delle rifatte senza glutine ed io volevo anche questa volta lasciar passare qualche giorno per ridare voglia a tutti gli innamorati come me di concedersi un altro momento di pausa nella frenesia quotidiana.
I miei post non sono mai molto lunghi, spero che la gente non perda di vista l'obiettivo primario che ha il mio blog: quello di aiutare tutti coloro che vogliono cimentarsi nel senza glutine e spronarli a fare di più perchè si può ottenere tanto da questi miscugli magici......
Ho comprato la farina di grano saraceno, e non vedevo l'ora di utilizzarla! Per questo motivo girando nel web mi sono imabttuta in Cibo che fa sognare ...senza glutine! Anche qui ho trovato tante idee e mi è venuta voglia di sperimentare  questa torta variegata con yogurt cioccolato e grano saraceno!!! Il sapore rustico che il grano saraceno da è stato promosso anche da tutti i non celiaci che l'hanno assaggiata....e queste splendide decorazioni????Direte voi, ma sono senza glutine??? Si si e ancora si....all'Auchan ho trovato della Lo Conte (lo scrivo non perchè abbia una collaborazione con la ditta ma perchè voglio dar a tutti quelli che non lo sapevano la possibilità di andare a comprare queste decorazioni) ha fatto ultimamente la qualsiasi....ho appena comprato chicchi di caffè ricoperti di cioccolato, cocco colarato e riccioli di cioccolato bi-color....insomma tante tante cose sfiziose che finalmente posso utilizare anche io nei miei dolcini.....
Igredienti:

125 ml di yogurt al cocco senza glutine
100 ml di olio di semi
170 gr di zucchero
135 gr di farina senza glutine
75 gr di farina di grano saraceno
20 gr di cacao amaro senza glutine
4 uova
1 bustina di lievito per dolci senza glutine
farina e burro q.b. per infarinare la teglia

Montate gli albumu. In una planetaria o altra ciotola sbattete enrgicamente i tuorli, lo zucchero, l'olio e lo yogurt! Aggiungete le farine setacciate e infini gli albumi. Versate anche il lievito setacciato e separate il composto in due ciotole. In una unite il cacao amaro setacciato e alternate in una teglia imburrata e infarinata un cucchiaio di composto bianco e un cucchiaio di composto al cioccolato versando sempre al centro uno sopra l'altro....in questo modo si allargherà a cerchi concentrici l'impasto e ne verrà fuori un gioco di colori molto carino.....
Infornate per 35 minuti a 180°
 

lunedì 25 febbraio 2013

Purè e planetaria.....

La mania della planetaria si è scatenata. Non ne ho una costosissima, è la più semplice credo ma sto scoprendo che può aiutare in tantissime preparazioni e oltre ad essere utilizzata x gli impasti di base ho voluto seguire il consiglio dell'opuscolo delle istruzioni per preparare un ottimo purè.
C'è poco da dire e anche da fare....bisogna solo provarlo!

Ingredienti:
  • 1/2 kg di patate
  • sale q.b
  • latte q.b
  • burro q.b circa 40/50 gr
  • noce moscata q.b
  • pepe q.b
  • formaggio
Sembra la ricetta del quanto basta ma in realtà il purè e la sua riuscita sono molto soggetivi, bisogna seguire il proprio intuito, lasciarsi guidare dai sapori e dai profumi.
è molto importante assaggiare sempre durante la preparazione di un piatto per capire se è dosato al punto giusto, se è indietro come amano i dire i miei cari Chef famosi ovvero senza sale....ihihihihi!!!
Bollite le patate, passatele velocemente in uno schiaccia patate; versate nella planetaria e aggiungete un pò di burro circa 50 gr  , un pò di latte, sale, noce moscata a go go.....e pepe! Accendete i motori e osservate.....osservate il vostro purè per capire se lo volete più fermo o più morbido in quel caso vi consiglio di aggiungere ancora un pò di latte.
Io quando era pronto, l'ho versato su una pirofila e ricoperto di formaggio (Grana PAdano) in forno a dorare per 10 minuti e voilà....farete un figurone!!!!!!

martedì 19 febbraio 2013

Chiacchiereeeeeeeeeeeeeeee

Non ono più in tempo per il periodo di Carnevale, ma ormai sta diventando quasi un'abitudine postare ricette tipiche e tradizionali non appena finisce la feste! è anche un modo per prolungare quel brio che la festività porta in casa che sia Natale, Pasqua o Carnevale....Sono sicura che questa ricetta vi piacerà comunque!
L'altro giorno riflettevo sui temi "esistenziali" nella mia povera ora di pausa e pensando e ripensando a questa meravigliosa voglia di cucinare mi sono resa conto che le feste sono un'ottima scusa x  mettersi il grembiule e accendere il fuoco! è così l feste sono gli sfondi perfetti.Questo Carnevale  inr ealtà non ho ne partecipato ad una festa in maschera, ne visto carri sfilate o cose varie....ho soltanto regalato chiacchiere!
Anche questa ricetta è stata presa da Iternet precisamente da questo sito http://ludic.altervista.org/Chiacchiere%20senza%20glutine.html mi è piaciuta x la semplicità! Ho soltanto sostiuito il cognac con la grappa e per essere la prima volta che venivano fritte chiacchiere a casa mia il risultato è stato eccezionale!!!!!!
Ingredienti:
  • 1/2 kg di farina Bi-Aglut senza glutine
  • 3 uova
  • 2 cucchiai di zucchero
  • zucchero a velo
  • un bicchiere digrappa
  • un pizzico di sale
  • olio di semi di mais
  • una scorza di limone 
Mettete la scorza del limone nel bicchiere di grappa circa mezz'ora prima. Io ho messo per un minuto tutto nella planetaria. Ho lavorato e lavorato e lavorato almeno 10 minuti a mano l'impasto fino ad ottenre una palla liscia ed omogenea.
LAsciate riposare dieci minuti e cominciate  a stendere nella macchina per la pasta fino ad aumentare al massimo al 2 step!
Tagliate delle striscioline e friggete in abbondante olio...che sia caldo!!!!!!

venerdì 15 febbraio 2013

Rifatte senza glutine: Mini crumbles di banane


 Questo mese avevo paura di non arrivarci, perchè tra le festività e i dolci della tradizione, il lavoro e una valanga di impegni avevo veramente timore.E dopo la non riuscita personale della ricetta di gennaio che ho preferito non pubblicare non potevo!!!!
Così eccomi per le rifatte come sempre qui con voi a condividere questa bellisima iniziativa! 
Oggi siamo ospiti di Marcella CELIACA PER AMORE
 con i suoi minicrumbles di banane!!!!! IO ho mescolato qualche pezzo di mela e versato su un pò di glassa al cioccolato per far piacere le banane al più ostico della famiglia!!!il fratellino.....:=)


Copio e incollo la sua ricetta!

BASE
pastafrolla della zia con le seguenti dosi, con il mix di farine naturali
300 g di farina
2 tuorli + 1 uovo intero (grandi)
100 g di zucchero
100 g di burro
1/2 cucchiaino di lievito
RIPIENO
3 banane
3 cucchiai di zucchero
1 cucchiaio di cannella
pinoli (3 o 4 per minicrumble)
succo di limone
CRUMBLE
1 bicchiere di farina gf
1 bicchiere di zucchero
50 grammi di burro
2 cucchiai di cannella
Ho preparato la mia solita pastafrolla, e ho preparato nei pirottini delle minibasi, su cui ho aggiunto un cucchiaio di banane a pezzetti ( precedentemente marinate con succo di limone e zucchero), e qualche pinolo.
Per il CRUMBLE, ho sciolto in un pentolino il burro a fuoco bassissimo, ho aggiunto la farina, lo zucchero e la cannella. Bisogna mescolare continuamente, finchè non si formano dei molliconi (crumbles, appunto) di composto. Ho tolto il composto dal fuoco e l’ho lavorato con una forchetta per far diventare i ‘molliconi’ delle mollichine (deve diventare tipo pangrattato), e con quelle ho ricoperto i minicrumbles.


MArzo sarà il mese di Fabiana splendia donna dal cuore tenerissimo!!!! con le sue APPLE PEAR CRISP

sabato 9 febbraio 2013

Rivisitazione number 2: risotto con radicchio trevigiano scamorza e burro di cacao!


 
La prima volta che vidi fare questo risotto ero sintonizzata su casa alice alle 8 del mattino. Andavo ancora all'università e non avevo lezione quel giorno. Mi incuriosì il color violaceo.....che si avvicinava al mio color preferito e decisi che volevo immediatamente provarlo. La prima volta ho voluto farlo assaggiare a tutti e da li,ormai mi sono affezionata al mio risotto colorato.
Questa volta per rosolare il radicchio ho utilizzato il burro di cacao che ha reso il gusto del risotto più leggero e delicato.
ingredienti:
200 gr di riso
1/2 radicchio trevigiano
1 bustina di burro di cacao
sale
pepe
noce moscata
1 bicchiere di vino rosso
scamorza affumicata
brodo vegetale.
cipolla
 
Preparare il brodo vegetale. Cuocere il radicchio in un soffritto di burro di cacao e un pò di cipolla. Aggiungere il riso e cuocere il risotto aggiungendo di tanto in tanto un pò di radicchio. Sfumate con il vino rosso a metà cottura, e alla fine sciogliete la scamorza e grattugiate un pò di formaggio.  

martedì 5 febbraio 2013

Tiramisù all'arancia!

Rivisitazione? No, direi che sia sperimentare qualcosa di infinitamente buono con altri ingredienti. Proprio così, il tiramisù ormai è uno dei miei piatti forti...ma sono mesi che alla tv vedo rivisitazioni con creme e cremine, gusti particolari altri un pò più semplici; io sono un'inguaribile tradizionalista quindi ho cominciato con qualcosa di veramente semplice.Un tiramisù all'arancia. Esistono anche varianti alle fragole, al pistacchio ma aspetto le stagioni più adatte perchè mi sto mettendo in testa di non stravolgere la natura nella mia cucina. Perchè mangiare le fragole a dicembre, se in primavera sono più buone? Meglio gustare i prodotti di stagione così come facevano i nostri nonni.....
Allora:
 
ingredienti:
  • 250 gr di mascarpone
  • 125 gr di zucchero
  • 2.5 uova
  • 2 scorze di arance
  • succo d'arancia
  • rum
  • savoiardi (per me senza glutine)
  • cacao amaro (per me senza glutine)
  • Montate a neve gli albumi.
    Amalgmate con delle fruste elettriche i tuorli con lo zucchero e la scorza di arancia. Dopo qualche minuto almeno 6/7, aggiungete il mascarpone e infinire incorporate delicatamente gli albumi mescolando dall'alto verso il basso.
    Inzuppate i savoiardi nel succo d'arancia miscelato con un pò di rum e alternate uno strato di crema e uno strato di biscotti per due volte su una pirofila in ceramica o in acciaio.
    Ricoprite con cacao amaro e scorzette d'arancia.
    In frigo per 3/4 ore!!!!


venerdì 1 febbraio 2013

Mini kindern pingui!

Questa serata è interamente dedicata a tutte le mie ricette, ho tantissime foto che poltriscono nella cartella del computer, urge post!!!!
Questo blog si avvicina al suo 5 anno....un compleanno da ricordare. Non mi sarei mai aspettata tanta costanza da parte mia, con qualche fase altalenante, come è giusto che sia ma ancora qui...con voi! Non ho mai creato un post x amor della gloria, non ho mai riempito queste righe con fiumi di parole...nn cercavo il numero di commenti che aumentassero. Volevo solo dare una possibilità a qualcuno che si trova costretto a cambiare le sue baitudini alimentari così come è successo a me 5 anni fa. L'obiettivo è stato più che raggiunto.....


Intanto rinfreschiamo la memoria per la torta kinder pinguì. Questa volta ho deciso di creare delle mini porzioni, proprio come i kinder pinguì, però non volevo rifare la classica fetta rettangolare, così ho utilizzato questi pirottini coloratissimi che ho trovato in una rivista x dolci.
  • 2 vasetti di farina senza glutine
  • 1 vasetto di maizena
  • 1 vasetto di farina di cocco (consentita)
  • 3/4 di vasetto di olio di mais
  • 2 vasetti di zucchero
  • 1 vasetto di yogurt al cocco (consentito)
  • 3 uova
  • 3 cucchiai di cacao amaro (consentito)
  • 1 bustina di lievito (consentito)
  • panna (consentita)
Sbattete le uova ed incorporate lo zucchero, aggiungete lo yogurt ed utilizzate il vasetto come strumento per misurare il resto. Aggiungete la farina e la maizena setacciata. L'olio e la farina di cocco, il cacao e un pò di panna liquida per dolci. La quantità sceglietela ad occhio, l'impasto deve essere morbido.
Versare in uno stampo e cuocere in forno per 40 minuti a 170°,
Appena pronta, lasciate raffreddare. Dividete in più strati il pan di spagna e cospargete di nutella e panna.
Potete ricoprire il tutto con una glassa al cioccolato o farina di cocco .Ovviamente con un pò di zucchero a velo (consentito)