Translate

venerdì 26 ottobre 2012

Martorana Siciliana...: la ricetta di famiglia :=)



Sono i "morti" e tutti i bambini da noi aspettano questo giorno con ansia. Ricordo ancora, la sera prima dei morti, mia mamma ci metteva a letto e aspettava che ci addormentassimo...per preparare tutto!!!!LA mattina...io e mio fratello, aprivamo gli occhi e correvamo nel salone (proprio come Natale, anzi di più perchè noi per Natale apriamo i regali la vigilia, quindi non abbiamo la corsa la mattina di Natale)....
correvamo e trovavamo dei regali meravigliosi: la novelle cuisine, la macchina da cucire, le barbie che avevo tanto desiderato, mio fratello piste, officina con gli attrezzi e stavamo li nel salone per tutta la mattina a giocare , ridere e mangiucchiare la frutta di martorana o il misto (tipici biscotti del periodo) e adesso ogni tanto vado a rivedere quei filmini che ancora mi emozionano e che mi fanno venire una gran voglia di preparare anche io un giorno la stessa sorpresa ai miei bimbi.....

Per questo oggi vi lascio la ricetta della frutta di martorana, perchè se non l'avete mai fatta dovete assolutamente provare a farla, perchè vi regalerà momenti di gioia perchè ci si diverte a farla e si può condividere con tutta la famiglia...

Ingredienti:



  • 500 gr di farina di mandorle (consentita)


  • scorza di limone


  • 2 bustine di vanillina (consentita)


  • 1 cucchiaio e mezzo di rum


  • 1 scatola di maizena


  • 110 gr d'acqua


  • zucchero 400 gr


  • 1 fialetta di aroma per mandorla (consentita)


  • coloranti senza glutine


  • invece gli altri utilizzeranno colori da cucina classici


  • Sciogliere lo zucchero, versare l'acqua, la vanillina, il rum, e la fialetta di mandorla e la scorza di limone. Cuocere a fuoco medio fino a far sciogliere definitivamente lo zucchero.

    Appena si scioglie, si toglie dal fuoco e si versa la farina fino a quando mescolando la farina si stacca dal fondo con facilità.

    Stendere la pasta di mandorle su vassoi di alluminio e spalmare sul vassoio lasciando asciugare tutta la notte.

    L'indomani la troverete dura come la pietra. Con un cucchiaio di legno cominciando dai bordi staccatela dal vassoio e cominciate a lavorarla aiutandovi con la maizena (versatela sia sulle mani che sulla pasta di mandorle) non lavoratela troppo , dovete ottenere un cilindro o palla omogenea e liscia.



    Dopo averla fatta riposare un po'. cominciate a prendere delle palline e foderando con la pellicola trasparente le formine pressate cosi da poter riprodurre la forma bene!!


    Adagiare il frutto ottenuto su un vassoio e far riposare 24 ore.










    Il giorno dopo potrete cominciare a dipingerla come meglio credete, qui gioca la vostra fantasia!!!
    Diluite i colori con il rum

    Potete decorare con le foglie del mandarino per esempio, della fragole che troverete nei negozi di cucina.

     

    martedì 23 ottobre 2012

    My birthday's cake

    Sono stupita da me stessa, questa torta con tanto amore è uscita proprio dalle mie manine.....
    é stato un compleanno speciale e meritava una seconda protagonista che si facesse rispettare.
    Il corso mi è stato molto utile e quindi mi sono cimentata nel fare le decorazioni a mano libera cercando di usare quella fantasia che anche io, devo dire la verità, non credevo di avere.
    In questi giorni tra lavoro e università, trovare il tempo da dedicare alla cucina è quasi un obbligo per me!
    Ci tengo al blog, ci tengo a migliorarmi, a partecipare alle rifatte ...a sperimentare nuove ricette grazie a voi!Siamo così tante le foodblogger, che avrei bisogno di un mese intero per dedicarmi a provare ogni tipologia di ricetta che proponete dalla più semplice alla più particolare.

    Oggi durante la lezione di Sociologia, il professore ci ha spiegato dell'importanza del gruppo sociale a cui decidiamo di appartenere!Ecco, io pensavo alle passioni che ognuno ha, alla gente che incontra strada facendo e alla bellezza delle persone che ti arricchisce dentro.
    Sono curiosa di ciò che mi circonda e di chi incontro...perchè c'è sempre qualcosa da imparare e un "chicca" che qualcuno ci può insegnare....Consiglio di preparare il pan di spagna un giorno prima!

    Ingredienti:




    • pan di spagna (trito e ritrito) con la maizena che trovate QUI
    • Ganache al cioccolato ( 150 gr di panna vegetale 300 gr di cioccolato fondente)consentiti!
    • pasta di zucchero che trovate QUI
    • crema al mascarpone e nutella che troverete QUI
    1. Dovete fare due pan di spagna utilizzando due teglie rotonde con diametri diversi.
    2. Fate raffreddare il pan di spagna e sformate.....
    3. Preparate la farcitura mescolando il mascarpone con la nutella.
    4. Tagliate le torte e farcite.
    5. Preparate la ganache al cioccolato portando ad ebollizione la panna, spegnete il fuoco e aggiungete il cioccolato tagliato a pezzi. Lasciate raffreddare.
    6. Ricoprite le torte con la ganache e lasciatele raffreddare riposare in frigo per tutta la notte!
    7. Aiutandovi con delle cannucce create dei perni formando un quadrato...utilizzate quindi 4 pezzetti di cannucce e disponetele sulla torta più grande. Adagiate sopra la torta più piccola.
    8. Colarate la pasta di zucchero o la panna e divertitevi a decorarla! Nei prossimi post cercherò di mostrare i passaggi per realizzare dei fiori o altre decorazioni con la pdz

    venerdì 19 ottobre 2012

    Il mio primo corso di cake design

    Il mio primo corso di cake design: ero scettica!PErchè non è una cosa comune che qui a Palermo organizzino dei corsi di cucina, figuriamoci un corso di cake designer....e invece la mia città mi stupisce ancora!
    Ho acquistato il corso su groupon e ci sono andata con Stefania, e altre due mie amiche!
    Siamo arrivate li, e la signora ci ha accolto subito con un tono festoso e armonioso!
    Eravamo 20 signore...
    Abbiamo parlato delle tecniche di farcitura....
    Dell'importanza di una base umida e non di un pan di spagna per ricoprire la torta tutta di pasta di zucchero....
    Di come non si può mettere niente al di fuori di ganache al cioccolato o crema al burro per attaccare sopra la pdz!!!!la panna è vietata perchè trasuda, cosi come la marmellata di albicocche e alri intrugli....
    Ci ha spiegato di come si usi per 1 kg di pdz un cucchiaino di cmc per rendere la pasta ancor più morbida per fare il modelling, ovvero le decorazioni più particolari...
    Insomma tanti piccoli segreti e consigli che cercherò di raccontare anche a voi a pillole!
    Credo che difficilmente rivestirò una torta tutta di pdz, preferisco fare solo decorazioni perchè nn rinuncio al gusto ottimo di un pan di spagna farcito con creme morbide e bagnato al punto giusto!!!!
    Vi lascio qualche foto per mostrarvi il lavoro che abbiamo fatto!!!!!










    ah....adesso ho l'attestato del livello Base....:=)

    lunedì 15 ottobre 2012

    Rifatte: pasta con crema di peperoni


    Bentornate....Siamo ad OTTOBRE ed  iniziano le RIFatte!!! Quest'anno non voglio perdermi una ricetta e voglio cercare di portarmi avanti con il lavoro.L'estate è passata, tra alti e bassi ma ormai sogno l'inverno le coperte, le giocate a carte ...e perchè no? l'albero di Natale....
    Ovviamente tempo al tempo, intanto godetevi questa splendida ricetta di Elena che ho avuto il grandissimo piacere di conoscere lo scorso Giugno! E' una ragazza splendida, dolcissima e veramente in gamba....
    La sua pasta con crema di peperoni? Da urlo....



    Copio e incollo la sua ricetta:

    Ingredienti per 4 persone:

    2 spicchi di aglio

    ½ cipolla bianca

    2 peperoni rossi,
    2 pomodori medi maturi(altrimenti una scatola di polpa di pomodoro o pomodoro pelato fatto a pezzi)

    1 confezione di panna da cucina ( nel 2012 queste sono senza glutine: yochef Parmalat e Chef Leggera Parmalat) o panna liquida fesca (quella da montare naturale, senza nessuna aggiunta di zucchero) oppurelatte

    1 ciuffo di basilico,

    sale, pepe e olio e.v.o. quanto basta

    400 g di fettuccine
     

     sbollentare in acqua calda i pomodori per 5 minuti e privarli di semi e buccia. In una padella antiaderente fare soffriggere in un filo di olio e.v.o. la cipolla tagliata con gli spicchi di aglio aperti a metà; aggiungere i peperoni tagliati a pezzettini e procedere con la cottura a fuoco medio. A metà cottura aggiungere i pomodori fatti a pezzi e far cuocere per circa 10 minuti. Passare tutto al passa pomodoro o centrifugare con il Minipimer . Verrà fuori una crema. Aggiungere la panna liquida e il basilico tritato, mettendone da parte un po’ per guarnire i piatti alla fine. Se si sceglie di usare il latte servirà un cucchiaio raso di amido di mais o di riso setacciato con un piccolo colino per addensare la salsa.
    Salare e pepare.
    Cuocere la pasta e farla saltare nel sughetto
     
    Il prossimo appuntamento con le rifatte sarà il 15 novembre con la ricetta di: con la ricetta di OXANA Blinis alla zucca, farina di ceci e ricotta
     

    martedì 9 ottobre 2012

    Pasta di zucchero

    Ehi si, è lei la protagonista indiscussa dei dolci in questi ultimi tempi!Io, ad esempio sabato andrò ad un corso di cake design dove ci insegneranno le tecniche base per creare, lavorare e colorare una buona pasta di zucchero e realizzeremo una torta a due piani che potremmo portare a casa!!!Sono emozionatissima...era un pò che volevo fare un corso del genere e speriamo sia all'altezza delle aspettative che ho!
    In questi mesi blog, tv, corsi e fiere sono tempestati di cake designer che lavorano la pasta di zucchero e creano dalla più semplice rosa alla più particolare decorazione (personaggi, fiori, frutta e cibo...utensili e chi più ne ha più ne metta). Io attualmente ho fatto pochissimo, devo dire che il primo esperimento non era stato un granchè, ma incoraggiata dalla torta cardigan che ho fatto per il compleanno di mio padre mi sto adoperando per la mia torta di compleanno che sarà questa domenica.
    Così oggi ho cercato una ricetta e mi sono incuriosita per il fatto che si deve utilizzare un banale robot da cucina che in realtà si è rivelato non solo utile ma fondamentale. Non ho dovuto comabttere minuti interminabili con questo impasto inzialmente quasi liquido ed appiccicoso...ha fatto tutto lui in un minuto ed io poi ho solo impastato per 2 minuti.Vi mostro le foto e vi spiego i passaggi così vi assicuro che anche voi insieme a me potrete entrare in questo fantastico mondo che così tanto inavvicinabile non è!

    • Ingredienti:
    • 450 gr di zucchero a velo (per me senza glutine)
    • 30 ml di acqua
    • 6 gr di colla di pesce (consentita)
    • 18 gr di burro
    • 70 gr di miele
    Versate lo zucchero a velo nella terrina del robot da cucina.

    Nel frattempo, mettete in una ciotola con acqua la colla di pesce cosi da farla ammorbidire per 5 minuti

    Versate i 30 ml di acqua in un pentolino, aggiungete la colla di pesce e fatela sciogliere.

    Subito dopo versate miele e burro, amalgamate per qualche istante e versate tutto nella ciotola del robot.

    Frullate per un 1 minuto esatto.

    Versate su una spianatoia ricoperta di zucchero a velo lìimpasto e impastate per qualche minuto.



    L'effetto che dovrete avere quando premete sulla palla di pasta di zucchero è questo: